SEGUICI SU:​

Green pass in bar e ristoranti fino al 30 aprile? Fipe Varese si oppone e alza la voce

Il presiedente provinciale Ferrarese si appella al governatore Fontana: «Non reggeremo alla terza Pasqua con le mani legate. Intervenga lui, con la fine dell’emergenza il 31 marzo stop alle limitazioni anche nei pubblici esercizi»

VARESE «Nessuna proroga dell’obbligo di green pass dopo la fine dello stato di emergenza. Bar e ristoranti devono potere riprendere a lavorare senza limitazioni». Giordano Ferrarese (nella foto), presidente provinciale e consigliere nazionale di Fipe Confcommercio, alza la voce a nome dei colleghi del Varesotto che rappresenta e si rivolge al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana.

«Continuare a vincolare la possibilità di servire i clienti al tavolo al possesso della carta verde, non ha nessun fondamento scientifico. Lo dicono gli stessi virologi». Ferrarese, a maggior ragione, si domanda il perché di «questa ulteriore punizione nei confronti di un settore che per primo è stato costretto a sospendere l’attività, che è stato additato come fonte di contagi e penalizzato in tutti i modi possibili».

Ancora una volta presi in giro

Il presidente provinciale di Fipe non nasconde il proprio rammarico: «Il senso civico da noi dimostrato, il rispetto di regole che ci danneggiavano e il buon esempio sempre dimostrato, non sono evidentemente bastati. Ci sentiamo ancora una volta presi in giro, ma ora basta».

Il momento della luce in fondo al tunnel, anche per bar e ristoranti deve essere il 31 marzo: «In quella data termina lo stato di emergenza, viene sciolto il comitato tecnico scientifico, eliminati i colori alle regioni, tolte le restrizioni a stadi e hotel. A pagare per tutti resterebbero solo i pubblici esercizi che per la terza Pasqua avrebbero ancora una volta le mani legate».

Regioni, intervenite voi

Ferrarese non si appella al Governo, ma «al nostro governatore» Attilio Fontana. «Sì e sempre dimostrato sensibile e attento alle attività produttive del nostro territorio, dal 31 marzo finendo lo stato di emergenza le regioni possono in qualche modo intervenire sbloccando quest’assurda regola di prolungare per altri trenta giorni gli obblighi di green pass nei locali di somministrazione al chiuso».

Il presidente Fipe ricorda a Fontana il drammatico momento che sta investendo l’economia: «La guerra in Ucraina, l’impennata dei prezzi di energia e materie prime, la totale assenza di turismo estero.  Possiamo solo contare sulle nostre forze e sui clienti di “prossimità”. Il nostro settore va sostenuto più di altri e non ancora una volta bastonato. Auspichiamo che siano tutti i governatori regionali a prendere in mano la situazione e salvare il salvabile».

22 marzo 2022

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

La nascita è uno dei momenti più delicati della vita della tua impresa…

Tieni sotto controllo la gestione contabile della tua impresa minimizzando…

Hai dipendenti? Possiamo aiutarti ad ottimizzare il costo del lavoro in azienda…

Tuteliamo i tuoi interessi e quelli della tua impresa con la predisposizione e gestione dei contratti a te necessari. Ai nostri associati offriamo…

Servizi informatici

Per chi vuole sfruttare al massimo i vantaggi dell’era digitale

Per chi vuole sfruttare al massimo i vantaggi dell’era digitale, ti forniamo tutto ciò di cui hai bisogno per essere sempre al passo con i tempi: dalla creazione della tua identità digitale, passando per l’assistenza informatica continua, fino alla fornitura dei servizi di comunicazione…